SEI IN > VIVERE COSENZA > POLITICA
comunicato stampa

Caruso si stringe attorno al sindaco di Bari, Antonio De Caro: "Impianto normativo da rivedere"

2' di lettura
12

"Oggi tutti i sindaci d'Italia devono stringersi attorno al sindaco di Bari Antonio De Caro che ci rappresenta al vertice dell'Anci, l'associazione di tutti i primi cittadini. L'invio della commissione d'accesso Antimafia a Bari rappresenta una linea di frontiera oltre la quale non si può più andare e che anzi deve servire a noi tutti per indurre alla riflessione ponendo un argine al più presto".

Così, in una nota, il sindaco di Cosenza Franz Caruso. "L'impianto normativo che fa da genesi allo strumento dell'avvio delle procedure di accertamento e scioglimento antimafia è assolutamente da rivedere e necessita di riforme urgenti - continua Caruso -. Non è più tollerabile che indistinti indizi probatori preliminari, confusi e generici, finiscano senza contraddittorio in una richiesta di commissione d'accesso e da qui, sempre senza contraddittorio e conoscenza stratificata di atti completi e acclarati, in un comitato per l'ordine e la sicurezza che quasi sempre chiede e decreta di fatto lo scioglimento dei Comuni per mafia. È accaduto e accade sempre più spesso in Calabria, con destini giudicanti che poi smentiscono quasi sempre lo stesso scioglimento, e stavolta accade e mette a rischio una grande città del Mezzogiorno come Bari. Un faro per tutto il Sud.

Non si conoscono carte e retroscena dell'inchiesta della Dda di Bari, ma è appena il caso di ricordare che anche la procura distrettuale di Bari ha tenuto a precisare che l'attività del sindaco ha anzi eventualmente posto un argine alle possibili derive criminali, così lasciando intendere di esserne estranea se non parte lesa rispetto ad eventuali reati. Noi sindaci siamo quotidianamente in prima linea contro le infiltrazioni mafiose, questo è, al contrario, il vero tema. E un rivisitato e onesto impianto normativo dovrebbe semmai fornire più poteri e strumenti di difesa ad un primo cittadino piuttosto che lasciarlo in balìa di norme ambigue spesso e volentieri rese muscolari da questa o quella parte politica in Parlamento. Generando ulteriori ambiguità e pensieri maliziosi.

Noi siamo convinti invece – ha concluso Franz Caruso - che oggi quello che De Caro definisce "attacco" è frutto di un impianto normativo che si presta alle degenerazioni. Non vogliamo nemmeno immaginare che un governo e dei ministri si prestino alla parte politica in commedia colpendo un bravo sindaco, prossimo candidato alle Europee, mettendo a repentaglio una grande città come Bari".



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-03-2024 alle 17:39 sul giornale del 21 marzo 2024 - 12 letture






qrcode