Amendolara, sventata rapina a mano armata: carabinieri arrestano responsabile

2' di lettura 22/05/2023 - AMENDOLARA (CS) - Una rapina a mano armata è stata sventata grazie all'intervento tempestivo dei Carabinieri della Stazione di Marina di Roseto Capo Spulico. I militari hanno arrestato in flagranza F.D., un ventitreenne di Amendolara, già noto alle forze dell'ordine e recentemente scarcerato.

Il giovane è stato ritenuto responsabile della rapina perpetrata all'interno del supermercato "Pick Up" nella frazione Marina del Comune di Amendolara.

I fatti risalgono allo scorso fine settimana quando, poco prima delle otto di sera, una pattuglia dei Carabinieri ha notato una situazione insolita vicino al supermercato. Un gruppo di persone era accalcato e visibilmente agitato intorno all'ingresso del negozio. I militari, avvicinandosi, sono stati informati che una rapina era in corso all'interno del supermercato. Senza esitazione, i Carabinieri sono entrati nel negozio e hanno avvistato un individuo con una pistola in mano, guanti e il volto coperto da un passamontagna nero. Il rapinatore puntava l'arma al petto del cassiere e gli intimava di aprire la cassa e consegnare il denaro.

Di fronte alla gravità della situazione, i due militari hanno reagito prontamente lanciandosi sull'individuo. Nonostante abbia cercato per un attimo di puntare l'arma contro i Carabinieri, il rapinatore è stato neutralizzato, disarmato e ammanettato. Una volta che gli è stato tolto il passamontagna, è stato riconosciuto come il noto F.D.

Durante le fasi successive e la ricostruzione dei fatti, è emerso che il rapinatore aveva utilizzato l'arma per rompere il pannello divisorio in plexiglass del banco cassa, oltre a forzare e rompere uno dei registratori di cassa per prelevare il denaro. Durante l'arresto, sono stati recuperati circa 3.800 euro dell'incasso trafugato, che il rapinatore aveva abbandonato in parte su uno dei banchi cassa.

L'azione rapida e determinata dei Carabinieri ha permesso di ricostruire la gravità dei fatti e raccogliere elementi di prova che confermano il coinvolgimento del ventitreenne nel reato contestatogli. L'autorità giudiziaria ha disposto la traduzione del rapinatore presso la casa circondariale di Castrovillari, in attesa degli sviluppi delle indagini preliminari. Le prove raccolte indicano una forte probabilità della sua responsabilità nella rapina aggravata ai danni dell'attività commerciale.

L'arresto del rapinatore rappresenta una vittoria per le forze dell'ordine e dimostra l'importanza della prontezza e della cooperazione tra le autorità e la comunità nel contrastare i crimini. Grazie all'azione tempestiva dei Carabinieri, il supermercato e i suoi dipendenti sono stati protetti e l'ordine pubblico è stato preservato. Questo episodio sottolinea ancora una volta l'impegno delle forze dell'ordine nel garantire la sicurezza dei cittadini e la tutela delle attività commerciali.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Telegram di VivereCosenza
Per iscriversi gratuitamente al canale Telegram clicca qui o cerca @viverecosenza
Seguici anche sui nostri canali social, Facebook e Twitter:
Facebook: facebook.com/viverecosenza.it
Twitter: twitter.com/VivereCosenza






Questo è un articolo pubblicato il 23-05-2023 alle 00:59 sul giornale del 23 maggio 2023 - 24 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/d0jC


logoEV
logoEV
qrcode