Coronavirus: 31 nuovi contagi, 24 sono migranti. Sabato due morti

1' di lettura 27/09/2020 - Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 31 nuovi casi di coronavirus in Calabria, 24 sono migranti. Sabato due morti

Il coronavirus è tornato ad uccidere in Calabria: nella giornata di sabato sono morti due settantenni, uno di Corigliano e l'altro di Buonvicino, entrambi ricoverati a Cosenza. Il conto delle vittime dall'inizio dell'epidemia sale così a 100.

Secondo l'ultimo bollettino diffuso dalla Regione, gli attualmente positivi sono saliti a 544. Di questi 507 sono in isolamento domiciliare, 35 sono ricoverati con sintomi, 2 sono ricoverati in terapia intensiva.

Per quanto riguarda le province, i casi positivi sono così distribuiti:

- Catanzaro: 11 in ospedale, 2 in terapia intensiva, 67 in isolamento domiciliare

- Cosenza: 12 in ospedale, 121 in isolamento domiciliare

- Reggio Calabria: 8 in ospedale, 99 in isolamento domiciliare

- Crotone: 22 in isolamento domiciliare

- Vibo Valentia: 4 in ospedale, 20 in isolamento domiciliare.

Complessivamente le persone risultate positive al coronavirus sono 1.952. I guariti e i dimessi sono 1.308, le vittime 100. Nelle ultime 24 ore sono stati analizzati 1.870 tamponi, per un totale di 195.309 casi esaminati dall’inizio dell’epidemia.

___________________________________________
È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Telegram, cliccando nei link della tabella sotto e iscrivendosi GRATUITAMENTE.
Sono attivi anche i nostri canali social: Facebook e Twitter, per trovarli basta cliccare nei link della tabella sotto.

Città Telegram Social
Catanzaro @viverecatanzaro FB - Twitter
Corigliano Rossano @viverecorigliano FB - Twitter
Cosenza @viverecosenza FB - Twitter
Crotone @viverecrotone FB - Twitter
Lamezia Terme @viverelamezia FB - Twitter
Reggio Calabria @viverereggio FB - Twitter
Vibo Valentia @viverevibo FB - Twitter





Questo è un articolo pubblicato il 27-09-2020 alle 18:49 sul giornale del 28 settembre 2020 - 164 letture

In questo articolo si parla di cronaca, marco vitaloni, articolo, coronavirus, covid